AICVAS
Via Francesco Ferrucci 2
20145 Milano
Tel +39 02763372/3373
www.aicvas.org
info@aicvas.org
                                   
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                            HOME   Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti di Spagna                                    
                                                                                                                                                       
                            Chi siamo Iniziative Notizie Storia Memorie Cultura Galleria Collegamenti                            
                                                                                                                                                       
                            leggi El quinto regimiento                                                               ascolta El quinto regimiento                            
                                                                                                                                                       
                            Notizie anni passati                            
                                                                                                                                                       
                            La solidarietà internazionale vince:
Via Brigata Dombrowski rimane a Varsavia!
                               
                                                           
                                                           
                           

I nostri amici polacchi, in particolare Jeremy Galdamez, dell’associazione Ochotnicy Wolnosci (Volontari della libertà) ci hanno scritto per comunicarci che la loro e la nostra azione ha ottenuto due successi.
Il primo: la loro associazione è stata legalizzata.
Il secondo: il comune di Varsavia ha deciso di non sopprimere bensì di mantenere il nome della via dedicata alla brigata internazionale Dombrowski, formata da volontari polacchi che combatté durante la guerra di Spagna a fianco dei compagni italiani della Garibaldi.
Per ottenere questo risultato era partita una campagna di pressione internazionale nel 2015. Certo la scelta delle autorità comunali di Varsavia non è definitiva, come ci spiegano gli amici nella loro lettera, giacché il governo centrale pare deciso ad applicare comunque la sua politica di memoria (o di falsità e disvalori) storica di estrema destra.

Come è noto la decisione delle autorità comunali di Varsavia di togliere dalla via a lei dedicata il nome della brigata Dombrowski rientra nella politica volta a eliminare tutti i nomi che potevano avere un riferimento con il passato comunista della Polonia. I compagni di Varsavia hanno lottato per molti mesi anche con manifestazioni pubbliche, e con il sostegno di tutte le associazioni rappresentative dei combattenti antifranchisti, compresa la Aicvas, per impedire questa violenza alla memoria democratica e antifascista.
Ora hanno / abbiamo conseguito un primo successo. Per il prossimo 17 di luglio i compagni hanno organizzato una commemorazione dei volontari polacchi delle Brigate Internazionali a Varsavia, della quale daremo i dettagli appena ne saremo informati.

Ricordando il passato, noi combattiamo per il futuro.
                                                                                No pasaran
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                Varsavia, 8 settembre 2016. In piazza per il mantenimento del nome Dombrowski alla via.                            
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                Ottobre 2016. Bandiere della brigata polacca e della Garibaldi per l'80° della difesa di Madrid.                            
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            La denuncia della tragedia di Guernica
diventa un’icona dell’arte moderna
                               
                                                           
                                                           
                           

Ottant’anni fa, durante la Guerra Civile spagnola, Guernica viene pesantemente bombardata dai tedeschi e dagli italiani alleati dei Nazionalisti. Da questa tragedia nasce, a opera di Pablo Picasso, un capolavoro dell’arte moderna.

Giorgio Zanchetti, docente di Storia dell’Arte contemporanea all’Università degli Studi di Milano, e Pablo Rossi, scrittore e socio di Aicvas, hanno raccontato questa vicenda con l’articolo “Lo strazio e l’icona. Guernica vive” apparso sul settimanale culturale del Corriere della Sera “la Lettura” del 19 marzo  2017, che riportiamo qui di seguito.
 
Clicca qui o sull’immagine per leggere l’articolo
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Italiani e antifascisti,
combattenti di Spagna
                               
                                                           
                                                           
                           

Nella ricorrenza dell’80°, Il fatto quotidiano di lunedì 30 gennaio 2017 dedica due intere pagine alla partecipazione degli antifascisti italiani alla Guerra di Spagna.
Tra i combattenti italiani non c’è distinzione di sesso né di adesione politica. Donne, uomini, comunisti, socialisti, persino liberali, operaie e operai, artigiani, ma anche insegnanti e contesse; tutti quanti accorsi in Spagna a fianco del popolo spagnolo per dire no alla sopraffazione fascista, uniti da una stessa fede nella libertà e nella democrazia.

Molti si immolarono da eroi sul campo di battaglia. La guerra fu persa, come sappiamo. I sopravvissuti patirono i campi di concentramento in Francia, o in Italia, ma si distinsero in seguito tra i protagonisti della lotta di liberazione in Italia. Dalla dolorosa sconfitta di Spagna i partigiani trassero la lezione necessaria per attuare, qualche anno più tardi, la vittoriosa Resistenza contro il nazifascismo in Italia.

                     
 leggi le pagine di Il fatto quotidiano
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                     
                            Aurelio Grossi, il primo e l'ultimo combattente
italiano di Spagna, ci ha lasciato
                               
                                                           
                                                           
                           

Nella notte di giovedì 6 aprile è morto Aurelio Grossi.
Aveva recentemente ricevuto dalla città di Napoli la medaglia al merito civile,
"in segno di riconoscenza, grande affetto e profonda gratitudine per la sua infaticabile attività sociale e politica profusa in Spagna durante la guerra
civile…”.

Non ha ancora diciotto anni quando entra nell’esercito regolare con la funzione di telegrafista. Nel gelo di Teruel , per recuperare il materiale torna indietro e una bomba lo investe in pieno e perde un occhio.
Tornò a combattere e poi la terribile esperienza del campo di Gurs in Francia e il confino in Italia.

Addio Aurelio esempio di vita per i giovani  e difensore della libertà.
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                              COMUNICATO STAMPA                            
                            Onorificenza al merito civile della città di Napoli
per Aurelio Grossi
                             
                                                         
                                                         
                           

Il 21 dicembre 2016 è stata conferita un’onorificenza al merito civile ad Aurelio Grossi, ultimo combattente antifascista italiano in Spagna ancora vivente. La cerimonia si è svolta nella casa di cura Merliani di Napoli alla presenza del personale, della nipote Sylvia Guzman Grossi, del pronipote Aitor Fernandez Pacheco  e dell’amministratore di sostegno avvocato Francesco Castelli. Erano presenti anche l’Aicvas, con il presidente Italo Poma, Pasquale D’Aiello e Luciano Donofrio , la direttrice dell’Anppia Serena Colonna  e lo storico Giuseppe Aragno. Tutti questi soggetti si sono adoperati in varie forme per far conoscere la storia di Aurelio e della famiglia Grossi e per tentare di ottenere un riconoscimento da parte dello stato italiano e un vitalizio. L’onorificenza concessa dalla città di Napoli è un primo risultato che ci dà grande soddisfazione e testimonia la sensibilità democratica e antifascista dell’amministrazione napoletana.
A conclusione di una festa molto partecipata una targa e una medaglia sono state consegnate ad Aurelio dal sindaco Luigi De Magistris, che ha ricordato nel suo discorso la battaglia antifascista della famiglia Grossi e la necessità non solo di onorare chi ha lottato ma di continuare a battersi per realizzare fino in fondo la libertà, l’uguaglianza e la giustizia sociale che sono i fondamenti della democrazia. Italo Poma ,a nome della nostra associazione, ha ringraziato il sindaco e ha consegnato ad Aurelio Grossi la tessera onoraria dell’Aicvas.

Riportiamo di seguito il testo della targa della città di Napoli:


La città di Napoli, medaglia d’oro al valor militare per le quattro giornate di Napoli, al sig. Aurelio Grossi in segno di riconoscenza, grande affetto e profonda gratitudine per la sua infaticabile attività sociale e politica profusa in Spagna, durante la guerra civile, e nel nostro paese, sempre a difesa della libertà e della giustizia. Quale sentito riconoscimento perché ha contribuito fortemente, insieme alla sua famiglia, che ha subito pesanti persecuzioni politiche dal regime nazifascista, all’affermazione dei principi di democrazia e di Pace ed alla costruzione della Repubblica Italiana.

                               21 dicembre 2016, il sindaco Luigi de Magistris
                             
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                         
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                            Aurelio Grossi
L'ultimo sarà il primo
    Il 21 dicembre 2016 il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, assegnerà la medaglia della città ad Aurelio Grossi, l'ultimo combattente volontario repubblicano italiano della guerra civile spagnola ancora in vita. Aurelio aveva 17 anni quando nel 1936 insieme alla sua famiglia si mosse dall'Argentina alla                            
                                                           
                                                           
                             

volta della Spagna per accorrere in aiuto della Repubblica spagnola aggredita dal colpo di stato fascista. L'intera famiglia, guidata da Carmine Cesare Grossi (avvocato socialista napoletano, amico di Matteotti, ed espatriato dopo il suo omicidio per sfuggire alle persecuzioni fasciste), si mise a disposizione della Repubblica: Carmine e i suoi due figli, Aurelio e Renato, si inquadrarono nell'esercito popolare repubblicano, la figlia Ada collaborò con il padre a gestire Radio Libertà, che trasmetteva le ragioni repubblicane agli italiani, la moglie, Maria Olandese, si impegnò nell'assistenza ai feriti. Aurelio e Renato svolsero la funzione di radiotelegrafisti e furono feriti durante la battaglia di Teruel. Aurelio perse la vista da un occhio, Renato ne riportò uno choc permanente.
Dopo la sconfitta repubblicana Aurelio fu internato nel campo di concentramento di Gurs e da qui, dopo la sconfitta della Francia nella seconda guerra mondiale, tradotto nelle carceri italiane e poi mandato al confino a Melfi.

Finita la seconda guerra mondiale, Aurelio e il resto della sua famiglia, vissero in disparte, dimenticati da tutti fino a quando lo storico Giuseppe Aragno non ha riportato alla luce la loro storia alcuni anni or sono. Di questa gloriosa famiglia non esistono che pochissime testimonianze da loro rilasciate: un video-intervista amatoriale ad Ada Grossi girata da una scolaresca pochi anni prima che lei morisse nell'estate del 2015 e un video-racconto rilasciato da Aurelio Grossi, assistito dalla nipote Sylvia Guzman Grossi, per il documentario I primi saranno gli ultimi di Pasquale D'Aiello e Mauro Manna,  patrocinato e co-prodotto dall'AICVAS, in uscita nel 2017.

Oggi Aurelio ha quasi 97 anni ed è gravemente malato e certo non attendeva questo riconoscimento che egli non ha mai richiesto ma che il suo amministratore di sostegno, l'avvocato Francesco Castelli, e l'AICVAS (presieduta da Italo Poma), sostenuti dalle ricerche storiche del prof. Aragno e dell'ANPPIA (guidata da Serena Colonna), hanno tenacemente perseguito. Sebbene estremamente tardivo,  il valore simbolico e politico di questa onorificenza è di grandissimo rilievo. E il motivo è semplice sebbene tristemente grave: mai nessuna istituzione dello stato italiano ha rilasciato un'onorificenza ad un combattente volontario della guerra civile spagnola. In passato Rosa Russo Iervolino, da sindaco di Napoli, aveva conferito la stessa onorificenza alla sorella di Aurelio, Ada, che era stata speaker di Radio Libertà.

Questa difficoltà delle istituzioni italiane a riconoscere i meriti democratici dei combattenti volontari è certamente frutto delle ragioni storiche che hanno visto il nostro paese schierato contro la Repubblica spagnola. Ma questo atteggiamento è un vulnus democratico che deve essere superato. La partecipazione alla guerra di Spagna in sostegno della Repubblica deve essere considerata come una premessa della lunga lotta di liberazione dal fascismo che è passata attraverso le lotte di Resistenza europea e che ha portato all'affermazione della democrazia in Europa.

L'AICVAS desidera esprimere il proprio sincero e profondo ringraziamento verso il sindaco Luigi de Magistris, poiché considera questa sua decisione un primo passo importante che deve aprire una riflessione matura su questa gloriosa pagina di storia scritta da valorosi cittadini italiani, ringrazia, inoltre, la dott.ssa Zenga della prefettura di Napoli e il dott. Zoccoli del comune di Napoli per il loro impegno in questo procedimento.

Aurelio era solo un ragazzo quando decise di rischiare la propria vita in nome della democrazia, oggi la sua esistenza in vita è un'occasione che Aurelio vuole concederci per riconoscere ufficialmente e in presenza dell'ultimo combattente italiano ciò che la storia ha già riconosciuto da molto tempo.

 

                                  guarda il filmato

                           
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                                   
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                                   
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                           

È morto il “brigatista” Antoine Piñol, spagnolo
combattente nella Brigata Garibaldi

                               
                                                           
                                                           
                           

Abbiamo appena saputo la triste notizia della morte di Antoine Piñol, spagnolo ma combattente della XII^ Brigata Internazionale, la Brigata Garibaldi.
Era nato a Palamos (Girona) nel 1915. Da giovane era emigrato per lavoro in Francia. Quando è scoppiata la guerra di Spagna a causa del suo amore per la libertà e dei suoi ideali repubblicani si è unito ad un gruppo di italiani, ha attraversato il confine e si è arruolato nel battaglione Garibaldi.
Ha combattuto nella difesa di Madrid, sul Jarama, a Guadalajara ed in seguito su tutti i fronti. Sul fronte dell' Ebro, dove Antoine è stato comandante della 3 ° Compagnia del 2° Battaglione della Garibaldi, ha ricevuto un premio per il suo coraggio.
Al ritiro delle Brigate Internazionali in ottobre 1938 Antoine ha continuato a combattere fino al ritiro definitivo dalla Catalogna nel mese di febbraio 1939.
Poi sono venuti i campi di concentramento, la lotta nella Resistenza, la Liberazione e la concessione della nazionalità francese.
Antoine ha continuato a vivere in Francia, ricordando però sempre i compagni italiani al cui fianco aveva lottato.
È morto il 2 settembre 2016 ad Agen, in Francia, all'età di 101 anni.

Salud camarada Antoine.
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Gli antifascisti polacchi dicono no alla cancellazione
della via Dabrowszczacy a Varsavia
                             
                                                         
                                                         
                           

Contro la proposta di cambiare nome alla Via Dabrowszczacy a Varsavia e di cancellare o falsificare il contributo dato dagli antifascisti polacchi alla democrazia in Spagna.

Riceviamo da  Rien Dijkstra, segretario dell’Associazione Stichting Spanje 1936-1939, che riceve a sua volta da Jeremi Galdámez jeremigaldamez@gmail.com e volentieri pubblichiamo.

Il giorno 8 settembre 2016 a Varsavia, è stata organizzata una manifestazione  contro la prevista cancellazione della Via Dabrowszczacy  (in ricordo della XIII  Brigata Internazionale Dabrowski composta in gran parte da combattenti polacchi ). 
La proposta di cancellare il nome della via è stata fatta dall’ Istituto Nazionale Rememberance. Si distorce in questo modo  la storia e le biografie dei volontari delle Brigate Internazionali  originari della Polonia, riducendoli a "soldati di Stalin" e ignorando che lo scopo principale che li aveva spinti ad andare in Spagna era combattere il fascismo. L'attività dell'Istituto è una costante campagna di destra che falsifica la storia e cancella eventuali tradizioni di sinistra dalla memoria e dagli spazi sociali.

Abbiamo organizzato un incontro di massa di fronte alla sede dell'Istituto di esprimere la nostra disapprovazione verso chi attacca il ricordo delle polacchi antifascisti che combatterono in Spagna.  A seguito del discorso di un attivista della iniziativa "rece precz od ul. Dąbrowszczaków " ("Giù le mani da Via Dabrowszczacy"), che cerca di proteggere la memoria dei volontari polacchi nelle Brigate Internazionali, il coro “Varsavia rivoluzionaria” ha cantato, tra le altre canzoni, la Marcia della XIII Brigata Internazionale e A Las Barricadas. La manifestazione ha riunito circa 100 persone. I partecipanti hanno scandito slogan come "Ricordiamo Dabrowszczacy - non lasceremo passare il fascismo!" O "Giù le mani da Dabrowszczacy".

Insieme, abbiamo dimostrato che non accettiamo che la storia sia falsificata e neppure che la memoria dei volontari polacchi che combattono il fascismo sia attaccata. La decisione finale sulla cancellazione del nome della Via Dabrowszczacy deve essere fatta dal comitato municipale che si occupa di questo nei prossimi mesi. Non abbiamo intenzione di lasciare che certi piani scandalosi diventino realtà!

Iniziativa "rece precz od ul. Dąbrowszczaków "(" Giù le mani Dabrowszczacy Street ")

www.facebook.com/Bohaterowie1936/

Warszawski chor Rewolucyjny (Varsovian Revolutionary Choir)

www.facebook.com/chorwarszawianka
                             
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                     
                            A Brescia e ad Avigliana presentazione
del libro sulle Italiane in Spagna
                               
                                                           
                                                           
                            Continua con successo la presentazione in tutte le città italiane del libro pubblicato da Aicvas sulla partecipazione delle antifasciste italiane alla difesa della repubblica spagnola.
Il libro è uno studio approfondito, correlato da una documentazione fotografica, sulle figure femminili e sulla loro storia, non solo politica, e sul loro impegno contro il colpo di stato del generale Franco.
Di questo volume è stata realizzata una seconda edizione già in rapido esaurimento, segno dell’interesse per un argomento di grande attualità: il ruolo e l’apporto delle donne – tradizionalmente relegate entro le mura domestiche – oltre che nella vita privata anche in quella pubblica, che le combattentidi Spagna anticiparono non solo in ambito italiano ma anche in quello europeo.
                                          leggi i due programmi completi
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                           

26 marzo 2016:

una cerimonia importante a Caspe
                               
                                                           
                                                           
                            Nell'autunno dello scorso anno sono stati ritrovati grazie all'attività della Asociación Bajoragonesa de Agitación y Propaganda i corpi di tre volontari della XIV Brigata Internazionale, corpi sepolti frettolosamente settant'anni fa, durante la guerra civile spagnola, ed esposti a tutte le intemperie sulla quota 238 nella zona di Caspe, in Aragona. In quella zona nel marzo del 1938 si erano svolti feroci combattimenti nel corso della ritirata repubblicana che portò le truppe franchiste sulle rive del mare Mediterraneo. Sulla stessa quota, assieme agli uomini della XIV Brigata, in quei giorni, ha operato anche la Brigata Garibaldi. Due di questi corpi sono stati identificati, si tratta di Henry Guenquine, morto nei combattimenti di Caspe, ed Emile Sabatier, comandante del battaglione Domingo Germinal.

                                                       Leggi l'intero documento
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                       
                            Guadalajara,
la prima sconfitta del fascismo
                               
                                                           
                                                           
                           

V Marcha Memorial Batalla de Guadalajara
12 Marzo 2016

Organiza: Foro por la Memoria Guadalajara. Asociación de Amigos de las Brigadas Internacionales

Colabora: Ahora Brihuega, CNT-AIT, PCE, UJCE
 

— Punto de encuentro: Plaza Mayor de Torija (10.00 h).
 

ITINERARIO (Sometido a cambios según número de participantes y climatología).

— 10.00 Torija. Plaza del ayuntamiento. Recepción en la antigua comandancia militar. Información sobre la localidad y sobre el itinerario.
 

— 10.30. 12.00. Salida hacia N-II. Visita de las trincheras del batallón Edgar André en la zona de la Beltraneja. Dependiendo de la climatología, visita a zanja antitanque en Trijueque.
 

— 12.00-13.00. Mirador sobre Brihuega. Cota 709. Explicación sobre el terreno.
 

— 13.30-14.00. Llegada a Brihuega y marcha a la zona del castillo. Acto en el muro de las ejecuciones.
 

— 14.00. Se habilitará un lugar para poder almorzar en Brihuega. (Es necesario llevar comida y bebida)

Fin de la visita.
 

La visita se realizará en coches particulares de los participantes.

El Foro proporcionará itinerarios por escrito a los participantes y ofrecerá guía y explicaciones en cada punto escogido.

 

                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                            In Spagna una piazza intitolata
alle Brigate Internazionali
                             
                                                         
                                                         
                            Grazie all’impegno del Partito Socialista e anche al voto favorevole di Ahora Madrid, nei giorni scorsi la giunta comunale di Vicalvaro (sud di Madrid) ha deliberato che una piazza della città (vedi mappa a lato) sia dedicata alle Brigate Internazionali. Dopo la targa un monumento? È quanto ci auguriamo!                              
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                  per saperne di più vai al sito AABI                                                                                    
                                                                                                                                                       
                            Memoria Storica e Revisionismo nell'Europa
dei "post-comunismi". I casi italiano e spagnolo
                               
                                                           
                                                           
                            Lunedì 3 agosto, nell'ambito dell’XI Festival della Resistenza organizzato dal Circolo Culturale Archivi della Resistenza, presso il Museo Audiovisivo della Resistenza di Fosdinovo (Ms) si è svolto il dibattito organizzato dall'Aicvas e dedicato a Memoria Storica e Revisionismo nell'Europa dei “post-comunismi”. I casi italiano e spagnolo.
Alla presenza di un pubblico attento e partecipe, che ha posto interessanti quesiti ai relatori, sono intervenuti Angelo D'Orsi, docente all'Università di Torino e autore di molti importanti lavori su questo tema, e Marco Puppini, vicepresidente dell’Aicvas.
Ha moderato l'incontro il presidente dell’Aicvas, Italo Poma.
                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                                                                                                                                                     
                            L'8 agosto 2015, all'età di 98 anni, ci ha lasciato
la combattente di Spagna Ada Grossi
                               
                                                           
                                                           
                           

Ada Grossi viveva a Napoli con il fratello Aurelio. Vi erano tornati dopo il lungo girovagare dell’esilio che, per sfuggire alle persecuzioni fasciste, li condusse da Napoli a Buenos Aires e dopo gli anni duri ma esaltanti della guerra di Spagna, che li vide tra i protagonisti, in Francia e poi di nuovo in Italia. Ada era nata nel 1917 e Aurelio due anni dopo, nel 1919. Nella loro città eravamo andati a cercarli alla fine dello scorso anno con una piccola delegazione dell’AICVAS e dell’ANPPIA, per consegnare ai due antifascisti la tessera di soci delle due associazioni. Ada Grossi, la voce che dai microfoni della repubblicana “Radio Libertà” raccontò all’Italia fascista la guerra di Spagna, aveva manifestato una punta di comprensibile commozione nel ricevere le tessere e, nonostante il peso degli anni, aveva anche entusiasticamente rievocato con noi la partecipazione sua e della sua famiglia alla lotta contro il fascismo e contro i franchisti. Al termine dell’incontro ci aveva promesso di consegnare la tessera al fratello Aurelio, soldato a Teruel nelle file dell’esercito repubblicano, ferito in combattimento, impossibilitato a partecipare per le cattive condizioni di salute. Ricordiamo che la sua biografia è apparsa nel volume, edito da Aicvas, "Non avendo mai preso un fucile tra le mani". Antifasciste italiane alla guerra civile spagnola 1936-1939, scritto da Augusto Cantaluppi e Marco Puppini.

                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                            Le biografie di Ada, di Aurelio
e dell'intera famiglia Grossi
                               
                                                           
                                                           
                           

Ecco una breve biografia di Ada Grossi, del fratello Aurelio e dell’intera famiglia, che prese parte alla guerra di Spagna.
Renato, Ada e Aurelio Grossi, nacquero tutti e tre a Napoli, rispettivamente il 16-01-1916, il 10- 04-1917 e il 24-01-1919, dai coniugi napoletani Carmine Cesare (21-05-1887) e Maria Olandese (1-12-1889). Il padre, noto avvocato penalista, agiato proprietario terriero, amico di Giovanni Porzio ed Enrico De Nicola, che sarà poi Presidente della Repubblica, era un convinto socialista; la madre era stata una promettente cantante lirica e si era esibita a Pietroburgo alla presenza dello zar. La strenua opposizione al fascismo attirò sull’avvocato l’odio del regime; dopo tentativi di aggressioni e l’assalto squadrista alla sua abitazione, che la moglie, sola in casa coi tre bambini, affrontò con sereno coraggio, nel 1926 i due antifascisti abbandonarono tutto, carriera, amici e posizione sociale, presero la via dell’esilio e si rifugiarono coi figli piccoli a Buenos Aires. Lì, Carmine Cesare Grossi si procurò da vivere, lavorando come rappresentante di commercio di aziende vinicole, Ada studiò lingue, canto e musica, Renato e Aurelio si dedicarono anch’essi alla musica e frequentarono un istituto tecnico industriale in cui divennero radiotelegrafisti.
Ritenuto “pericoloso” dal regime, che l’aveva fatto depennare dall’albo degli avvocati e non cessò mai di sorvegliarlo, in Argentina Carmine Cesare Grossi, nonostante le ristrettezze economiche, si dedicò a un’intensa attività politica, e collaborò come giornalista al giornale antifascista in lingua italiana L'Italia del popolo, firmandosi con gli pseudonimi di Rocco Sileo e il piccolo Spartaco, fu redattore stimato del noto mensile Nosotros. Attivo sia nella LIDU che nella locale sezione della Concentrazione antifascista, diventò una personalità tra le più note negli ambienti dei fuorusciti italiani; caldeggiò l’unità del fronte antifascista e per questo motivo coltivò amicizie tra i diversi schieramenti, frequentando uomini come Arturo Labriola, ex deputato socialista e ministro con Giolitti, e Giuseppe Tuntar, ex deputato comunista Giuseppe Tuntari. Fu spesso oratore ufficiale nelle manifestazioni antifasciste, nel 1930 commemorò Matteotti per il quarto anniversario della sua morte, nel 1931 fu uno degli oratori ufficiali alle manifestazioni per la vittoria repubblicana in Spagna e di lì a poco, nel 1933, attaccò Mussolini, pubblicando l'opuscolo intitolato Benito Mussolini a través de los colloquios con Emilio Ludwig. Preziosa fu, in questo lavoro, la collaborazione della moglie Maria Olandese, socialista come lui e al suo fianco sia nelle sue iniziative politiche che nell’educazione dei tre figli cresciuti alla scuola dei valori etici e politici del socialismo e dell’antifascismo. Attivo in un comitato contro la guerra in Abissinia, Con la collaborazione attiva della moglie, Carmine Cesare Grossi fondò a Buenos Aires il PIAVA, (Patronato italiano d'aiuto alle vittime antifasciste) che tentò di saldare in un fronte unico gli antifascisti, raccolse fondi per sostenere le famiglie dei detenuti politici e aiutò Fernando De Rosa detenuto in Spagna. Dopo aver stretto rapporti con attivisti del Soccorso Rosso che operavano un Francia, ad agosto del 1936, dopo una scelta concordata tra tutti i componenti della famiglia, i Grossi lasciarono l’Argentina, sbarcarono ad Anversa e passando per il Lussemburgo e la Francia, giunsero a Barcellona. Lì, Renato e  Aurelio si arruolarono nell’esercito repubblicano e combatterono in prima linea tutta la guerra di Spagna, Maria Olandese diede soccorso ai feriti in ospedale, organizzando anche concerti per i combattenti, Ada e il padre, entrati in contatto col governo Spagnolo, diedero vita a “Radio Libertà” che, dopo avere girovagato tra Valenza e Barcellona, si sistemò nella città catalana, nel Ministero della Propaganda, situato in Avinguda Diagonal. Il padre scriveva i testi che la sera la figlia leggeva in italiano alla radio, in trasmissioni serali così seguite in Italia, che i fascisti furono costretti a utilizzare "antenne disturbatrici",

                               
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                               

ma non riuscirono mai a metterle del tutto a tacere. Quando il fronte antifascista si spaccò la radio finì in mano ai bolscevichi, ma i Grossi non lasciarono Barcellona; Ada si unì alla madre e Carmine Cesare fu incaricato della responsabilità della distribuzione dei proiettili ai combattenti nel circondario di Barcellona. La famiglia, riunita al momento della caduta della città catalana, fuggì a piedi verso i Pirenei, sfuggì ai raid aerei degli italiani che mitragliavano i fuggiaschi e varcato il confine sui Pirenei a Le Boulou viene divisa. Ada e la madre, in un primo tempo libere nella regione del Giura francese, furono poi internate prima in un campo della Saòne et Loire e poi in quello di Argelès sur Mer dove Ada incontrò Enrique Guzman, un ufficiale repubblicano, che sposò; il 25 gennaio 1941 Maria Olandese fu trasferita nel campo di Rives Alte; Ada, rimasta sola, seguì il marito in Spagna, dove l’uomo riprese la lotta contro i franchisti, evitò per miracolo la morte cui l’aveva condannato un tribunale militare e fini per alcuni anni in carcere.
In quanto al padre e ai fratelli, furono rinchiusi nel campo di concentramento di Saint Cyprien e poi in quello di Gurs, dove Renato subì un crollo nervoso; ricoverato all'Hòpital Psychiatrique di Lannemezan, dopo la dichiarazione di guerra dell’Italia alla Francia, fu sottoposto per ritorsione a terapie sperimentali convulsivanti a base di forti dosi di insulina che gli procurano seri danni al sistema nervoso.
Nel febbraio 1941 Maria Olandese, il marito Carmine Cesare e i figli Aurelio e Renato sono consegnati separatamente alla commissione italiana per l'applicazione dell'armistizio italo-francese. Varcata la frontiera a Mentone, uno separato dall’altro, sono arrestati e tradotti a Napoli, dove sono interrogati e denunciati alla Commissione provinciale che li assegna al confino politico. Aurelio e Ada sono mandati per quattro anni a Melfi e l’avvocato Grossi è confinato a Ventotene per cinque anni. Renato, al contrario, che i francesi consegnano ai fascisti con un certificato medico che lo dichiara pazzo, e il regime lo chiude in manicomio, dove gli elettroshock lo ridussero a un vegetale.
Liberati dopo la caduta del fascismo, i cinque antifascisti, che avevano perso l’intero patrimonio, furono costretti a ricostruire la loro vita ricominciando dal nulla. Maria Olandese, profondamente colpita dalla terribile sorte toccata al figlio, morì nel 1957. Il marito, Carmine Cesare Grossi, inspiegabilmente costretto a ricorrere al tribunale per essere reinserito nell’albo degli avvocati, si spense nel 17 febbraio 1975. Renato, il più sventurato del gruppo, sopravvisse ai genitori, ma non ritrovò mai più se stesso e morì il 13 agosto del 2001.

Le notizie sono tratte da: Giuseppe Aragno, Antifascismo popolare, Manifestolibri, Roma, 2009; Giuseppe Aragno, Antifascismo e potere, Bastogi, Foggia, 2013; Ilaria Poerio e Vania Sapere, Vento del Sud, Istituto Ugo Arcuri, Reggio Calabria, 2007.

                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                           
                                                                                                                                                       
                           

La protesta internazionale in difesa di via

Dabrowszczakòw a Varsavia ha avuto successo

   

Nello scorso mese di giugno Jeremi Galdamez, dell’Associazione Polacca Insieme, ha informato l’Associazione Amici delle Brigate Internazionali di Madrid dei progetti dell’amministrazione comunale di Varsavia che intendeva cambiare il nome della via dedicata ai combattenti della brigata Dabrowsky.

                           
                                                           
                                                           
                             

Era un nuovo tentativo di cancellare la memoria delle eroine e degli eroi polacchi della guerra civile spagnola dopo quello fallito nel 2007.
Purtroppo, in quella nazione, in nome del “superamento del comunismo” si cancellano sempre più la memoria e i riconoscimenti pubblici a coloro che furono i primi a combattere le ambizioni militariste della ideologia fascista. Lontani dalla propria patria, i soldati della Brigata Jaroslaw Dabrowski si unirono alla lotta in corso in Spagna di propria iniziativa, mossi dalla coscienza di cosa sarebbe successo se non si bloccava in tempo la macchina militare fascista. Nel momento in cui l’Europa nella sua quasi totalità girava le spalle al “problema spagnolo”, i volontari e volontarie delle Brigate Internazionali rischiavano e sacrificavano le loro vite.
Si è avviata in Spagna, diretta dalla Associazione Amici delle Brigate Internazionali, e in altri paesi europei, una raccolta di firme di protesta contro questa misura, cui ha partecipato anche l’Aicvas. Ora veniamo a sapere che la protesta ha avuto successo e che l’amministazione è tornata sui suoi passi.
La via Dabrowszczakòw e la memoria dei volontari polacchi che hanno rischiato le loro vite per combattere il fascismo internazionale sono salve. Una buona notizia in un momento difficile come quello attuale, che dimostra che la mobilitazione può anche pagare.

                                                                        m.p

                           
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                         
                                                                                                                                                       
                                                      &nb