AICVAS
Via Francesco Ferrucci 2
20145 Milano
Tel +39 02763372/3373
www.aicvas.org
info@aicvas.org
                                   
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                                                                       
                            HOME   Associazione Italiana Combattenti Volontari Antifascisti di Spagna                                    
                                                                                                                                                       
                            Chi siamo Iniziative Notizie Storia Memorie Cultura Galleria Collegamenti                            
                                                                                                                                                       
                           

José Almudever Mateu
al Festival "Fino al cuore della rivolta" di Fosdinovo

                           
                                                       
                                                       
                                                       
                           

Dal 28 luglio al 1º agosto si è svolta la XIII edizione del Festival “Fino al cuore della rivolta”, organizzata dagli Archivi della Resistenza nella suggestiva location del Museo di Fosdinovo.

La rassegna, con il solito impegno e tenacia dell’Associazione toscana,  ha visto la presenza di numerosi eventi (dibattiti, musica, teatro, etc.).
Tra i relatori, Massimo Dadà, presidente del Museo della Resistenza di Fosdinovo, Alessandro Höbel, Paolo De Simonis, Giovanni Contini, Adriana Dadà, Andrea Ventura, Angelo D’Orsi e Italo Poma. Gli ultimi due  hanno introdotto un dibattito sull’internazionalismo dal titolo “Morte e rinascita di un’idea meravigliosa”.

Sono intervenuti in altre occassioni anche Adelmo Cervi e Stefano Arrighetti, dell’Istituto De Martino.
Tra gli ospiti che si sono esibiti sul palco, citiamo lo scrittore Maurizio Maggiani, il fotografo Tano D’Amico e l’attore regista Ascanio Celestini.

Ospite d’onore è stato l’ultimo sopravvissuto delle Brigate Internazionali, José Almudéver Mateu, invitato a Fosdinovo per presentare la versione italiana del suo libro di memorie, “La Repubblica tradita. Memoria di un miliziano e brigatista internazionale alla Guerra di Spagna”, edito da Edizioni ETS, a cura dell’AICVAS e degli Archivi della Resistenza di Fosdinovo. Il libro è il primo della collana “Verba manent. Racconti di vita e storie orali”,  presentata in anteprima nei giorni del Festival e che debutterà a settembre in libreria per raccontare le storie delle donne e degli uomini che hanno combattuto per un mondo più giusto e solidale.

Almudéver non si è limitato a presentare il suo libro, né a prendere parte come ospite d’onore alla festa di compleanno organizzata a sorpresa per lui domenica 30 luglio, dove ha voluto ringraziare i presenti lanciandosi in uno strepitoso tip-tap (ha compiuto 98 anni), ma è stato anche il protagonista di tutte le serate, accompagnando sul palco gli artisti ospiti del Festival, sempre con la sua bandiera delle Brigate Internazionali. La nostra Ángeles Aguado, del gruppo “La Desbandá” ha eseguito in suo onore alcune canzoni del CD musicale “Al pueblo y a la flor”, edito dall’AICVAS. Il nostro socio Pasquale D’Aiello ha presentato in anteprima il suo documentario “I primi saranno gli ultimi”, nel quale – tra gli altri – è intervistato José Almudéver.

Emozionante momento è stato l’incontro di Almudéver con il partigiano Giorgio Mori e la deportata Mirella Stanzione.

La parte musicale del Festival ha visto esibirsi sul palco numerosi gruppi e solisti, tra cui ricordiamo Paolo Ciarchi, gli E Zezi, i Yo Yo Mundi,  Alessio Lega, Alfio Antico e Bobo Rondelli.

Il Festival è stato coordinato da Alessio Giannanti e Simona Mussini, supportati dal gruppo di volontari degli Archivi (ringraziamo Flavio, Giulia, Federica, Luca e tutti gli altri) che, oltre a curare la realizzazione degli eventi, hanno accudito gli ospiti e i frequentatori nutrendoli con la loro cortesia e con il loro ottimo cibo. 

Come al solito, il Festival è stato frequentato da un folto pubblico, soprattutto di giovani, in un’atmosfera di festa ma anche di approfondimento delle tematiche relative alla memoria e ai testimoni.


                                                                                   Italo Poma

                            leggi l'articolo de Il Manifesto